Semi di chia bio

POWDER Nothing But Plants®

Fonte naturale di omega 3 vegetale

INDICAZIONI PRINCIPALI:

Antiossidante, colesterolo, digestiva, energia, stitichezza, sazietà.

12,00 €

Rif. KC30 In Stock

Designazione

POWDER - NOTHING BUT PLANTS

Scopri le eccezionali proprietà dei SUPERALIMENTI grazie alla nostra innovativa linea POWDER Nothing But Plants®!

Questa gamma di prodotti è un concetto innovativo, un modo alternativo di assumere gli integratori alimentari e gli alimenti più salutari: in frullati, insalate o insieme ai tuoi alimenti preferiti.

CHIA BIO

DESCRIZIONE

La chia (Salvia hispanica L.) è una pianta originaria della regione compresa tra il sud del Messico e il nord del Guatemala, utilizzata già in epoca preispanica in virtù delle sue eccezionali proprietà nutritive e officinali.

I semi di chia sono ricchi di acidi grassi essenziali, in particolare acido linolenico (omega 3), proteine e fibre, nonché di composti antiossidanti che contribuiscono a loro effetto benefico.

Considerati un superalimento, questi semi vantano non solo un elevato valore nutritivo, ma anche proprietà antidiabetiche, antiossidanti, antinfiammatorie, ipolipemizzanti e, grazie ala ricchezza di fibre, digestive e sazianti.

I nostri semi di chia (Salvia hispanica L.) sono una fonte naturale di omega 3 vegetale, sali minerali e fibre. Aggiungi questo superalimento alla tua dieta quotidiana!

ORIGINE

La chia (Salvia hispanica L.) appartiene alla famiglia delle lamiacee (insieme alla menta, al timo...) ed è originaria della regione compresa tra il sud del Messico e il nord del Guatemala (1). Si tratta di una pianta erbacea annuale che può raggiungere il metro di altezza; presenta foglie larghe e fiori con tonalità di viola, azzurro o bianco.

I semi di chia sono ovali, di colore grigio scuro con piccole linee nere e misurano circa 2 mm di lunghezza per 1 mm di larghezza (2).

Salvia hispanica - CHIA - CHIA BIO POWDER

STORIA

La parola "chia" deriva dal termine náhuatl, utilizzato nella lingua indigena per designare diverse specie botaniche, tra cui la Salvia. La pianta assunse grande importanza durante l'epoca precolombiana, quando i semi, l'olio e la farina che se ne ricavavano svolgevano funzioni alimentari, medicinali, artistiche e religiose (3). Considerata molto pregiata dalle civiltà Maya e Azteca (1), la chia costituiva una delle coltivazioni più diffuse in Centro America, seconda solo a quella di mais e fagioli. Con l'arrivo degli spagnoli, invece, il suo consumo si ridusse drasticamente (4). Oggi la coltivazione di Salvia hispanica è estesa anche nel Sudamerica ed è praticata principalmente per ricavarne i semi oleosi (1).

COMPOSIZIONE

Circa il 25-40% dei semi di chia è composto da lipidi, costituiti a loro volta per il 60% da acido alfa-linolenico (omega 3) per il 60% e per il 20% da acido linoleico (omega 6). Tra gli altri componenti vi sono proteine (15-25%), carboidrati (26-41%), fibre (18-30%), sali minerali (calcio, fosforo, magnesio, potassio, ferro, zinco e rame) e vitamine (1,5). Inoltre i semi di chia sono un'ottima fonte di molecole antiossidanti, tra cui polifenoli, miricetina, quercetina, kaempferol, acido caffeico e clorogenico (1).

  • IL NOSTRO PRODOTTO
  • Nome del prodotto: Chia proveniente dall'agricoltura biologica
  • Nome scientifico: Salvia hispanica L.
  • Parte utilizzata: Semi

BENEFICI

I semi di chia vantano proprietà antidiabetiche, antiossidanti, antinfiammatorie, digestive e ipolipemizzanti (aiutano a ridurre i lipidi nel sangue e a migliorare il profilo lipidico) (1,5).

POSOLOGIA

I semi di chia rappresentano un'eccellente alternativa nelle ricette senza glutine. Possono infatti essere utilizzati come gelificante e per la preparazione di pasticceria, dove è sufficiente sostituire la farina di grano con un impasto composto da parti uguali di semi di chia macinati e farina di riso integrale (6), oppure consumati crudi, abbinati a yogurt, formaggio fresco o frullati.

Se ne consiglia la macinazione prima del consumo, in modo da esaltare al massimo l'efficacia delle sostanze nutritive. In alternativa, si possono assumere sotto forma di mucillagine (fibra solubile), dopo averli lasciati a bagno per 30 minuti.

L'assunzione giornaliera di semi di chia non deve superare i 15 g.

STUDI

I semi di chia (Salvia hispanica L.) vantano numerose proprietà benefiche per la salute associate soprattutto al contenuto di fibre e acidi grassi omega 3 (acido alfa-linolenico). La presenza di questo acido grasso essenziale è stata infatti correlata a una diminuzione della risposta infiammatoria (7) e del grasso viscerale, effetti che contribuiscono alla protezione del fegato e del cuore (8). A seguito del consumo del prodotto, è stato anche riscontrato un miglioramento della dislipidemia (alterazione dei livelli di lipidi nel sangue) e della resistenza all'insulina, così come una diminuzione della pressione sistolica (9-10).

Infine, ai semi di chia sono attribuite proprietà digestive e sazianti. Le mucillagini sono fibre solubili che, quando ingerite con sostanze liquide, formano nell'apparato digestivo un gel viscoso che rallenta l'assorbimento delle sostanze nutritive e ritarda lo svuotamento gastrico, generando una sensazione di sazietà (11).

Bibliografia

  1. Gazem et al. (2016) Pharmacological properties of Salvia hispanica (chia) seeds: a review. J Crit Rev 3(3): 63-67.
  2. Ali et al. (2012) The promising future of chia, Salvia hispanica L. J Biomed Biotechnol 2012: 171956.
  3. Hernández and Colín (2008) Caracterización morfológica de chía (Salvia hispanica) (Caractérisation morphologique du chia). Rev Fitotec Mex 31(2): 105-113.
  4. Pizarro et al. (2013) Evaluation of whole chia (Salvia hispanica L.) flour and hydrogenated vegetable fat in pound cake. LWT Food Sci Technol 54(1): 73-79.
  5. Ixmucané (2011) Caracterización de la semilla del chan (Salvia hispanica L.) y diseño de un producto funcional que la contiene como ingrediente (Caractérisation de la graine du chia et conception d'un produit fonctionnel dont elle est un ingrédient). Revista de la Universidad del Valle de Guatemala 23 (Revue de l'Université Valle de Guatemala): 43-49.
  6. http://www.consum.es
  7. Guevara-Cruz et al. (2011) A dietary pattern including nopal, chia seed, soy protein, and oat reduces serum triglycerides and glucose intolerance in patients with metabolic syndrome. J Nutr 142(1): 64-69.
  8. Podyal et al. (2012) Lipid redistribution by a-linolenic acid-rich chia seed inhibits stearoyl-CoA desaturase-1 and induces cardiac and hepatic protection in diet-induced obese rats. J Nutr Biochem 23(2): 153-162.
  9. Chicco et al. (2009) Dietary chia seed (Salvia hispanica L.) rich in alpha-linolenic acid improves adiposity and normalises hypertriacylglycerolaemia and insulin resistance in dyslipaemic rats. Br J Nutr 101(1): 41-50.
  10. Creus et al. (2016) Mechanisms involved in the improvement of lipotoxicity and impaired lipid metabolism by dietary -linolenic acid rich Salvia hispanica L (Salba) seed in the heart of dyslipemic insulin-resistant rats. J Clin Med: 5, 18.
  11. Castillo-García E, Martínez-Solís I. Manual de Fitoterapia (Manuel de Phytothérapie). 1ère Édition révisée. Espagne : Elsevier Masson, 2011.

Composizione

COMPOSIZIONE:

Semi di chia (Salvia hispanica L.) (provenienti dall'agricoltura biologica).

ALLERGENI:

Questo prodotto non contiene allergeni (secondo il Regolamento (UE) N. 1169/2011) né organismo geneticamente modificati.

PRODUZIONE E GARANZIA DI QUALITÀ:

Questo alimento è prodotto conformemente alle norme BPF (le BPF sono le Buone Pratiche di fabbricazione in vigore nell'Industria Alimentare Europea, in inglese GMP: Good Manufacturing Practice).

Valori nutrizionali

DICHIARAZIONE NUTRIZIONALE
per 100 g
ENERGIA
1859 kJ/451 kcal
GRASSI
31 g
      DI CUI ACIDI GRASSI SATURI
3,8 g
      DI CUI ACIDI GRASSI POLINSATURI
25 g
CARBOIDRATI
4,9 g
      DI CUI ZUCCHERI
0,8 g
FIBRE
34 g
PROTEINE
21 g
SALE
0 g

Utilizzo

CONSIGLI PER L'USO:

La dose giornaliera non deve superare i 15 g.

ISTRUZIONI DI CONSERVAZIONE:

Da conservare in un luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce.

Le sue domande