Luppolo (Lifenol®) + Actea a grappoli

Estratti titolati e clinicamente testati

Attenua efficacemente le vampate di calore e altri disturbi legati alla menopausa

Luppolo (Lifenol®) + Actea a grappoli

INDICAZIONI PRINCIPALI:

Donne (menopausa).

36,00 €

Rif. SC45 In Stock

Indicazioni sulla salute ammesse dalle seguenti organizzazioni:

La Commissione E hanno riconosciuto l’efficacia dell’utilizzo degli strobili del luppolo per combattere l’agitazione, gli stati d’ansia e i disturbi del sonno.

Designazione

Il 70% delle donne in menopausa soffre di vampate di calore e altri disturbi che alterano la loro qualità di vita.

L'Actea a grappoli combatte le vampate di calore, gli sbalzi di umore e altri cambiamenti fisiologici legati alla menopausa. Analisi cliniche ne hanno dimostrato l’efficacia per la regolazione del sistema endocrino.

Lifenol®, un integratore alimentare a base di estratto vegetale di luppolo, riduce le vampate di calore e altri sintomi della menopausa come l’eccessiva sudorazione, l’insonnia, il nervosismo e le vertigini.
                   
Studi condotti sull’assunzione quotidiana di 85 mg di Lifenol® hanno rilevato un miglioramento della qualità di vita delle donne in menopausa in sole 6 settimane,  senza effetti collaterali.

Le nostre formule sono elaborate con estratti titolati sottoposti a rigorosi test scientifici che ne hanno dimostrato l'efficacia.

Composizione

COMPOSIZIONE:

Per 1 capsula: 100 mg di estratto secco di radice e rizoma di actea a grappoli (Cimicifuga racemosa (L.) Nutt.) titolato al 2,5% in glicosidi triterpenici (sotto forma di 27-deoxiacteina, 2,5 mg), 85 mg di estratto secco di coni di luppolo (Humulus lupulus L.) (Lifenol®) titolato allo 0,15% in 8-prenilnaringenina (8-PN) (ovvero, 127 µg)

ALTRI INGREDIENTI:

Maltodestrina, estratto di crusca di riso, capsula vegetale: idrossipropilmetilcellulosa.

ALLERGENI:

Questo prodotto non contiene allergeni (secondo il Regolamento (UE) N. 1169/2011) né organismo geneticamente modificati.

PRODUZIONE E GARANZIA DI QUALITÀ:

Questo integratore alimentare è prodotto in laboratorio conformemente alle norme BPF. Le BPF sono le Buone Pratiche di fabbricazione in vigore nell'Industria Farmaceutica Europea, (in inglese GMP: Good Manufacturing Practice).
La concentrazione di principio attivo è garantita da costanti analisi, consultabili on-line.

Utilizzo

CONSIGLI PER L'USO:

1 capsula al giorno da prendere con mezzo bicchiere d'acqua, durante il pasto.

PRECAUZIONI DI IMPIEGO:

Non superare la quantità di assunzione indicate. Per l'uso del prodotto e per la durata della sua assunzione si consiglia di consultare il medico. Il prodotto non va comunque utilizzato in disfunzioni o malattie epatiche. Sconsigliato alle donne incinte o in allattamento. Non superare la dose giornaliera raccomandata.

AVVERTENZA:

Non sostituisce una dieta variata ed equilibrata ed uno stile di vita sano. Se si sta seguendo una terapia farmacologica, consultare il proprio terapeuta. Riservato agli adulti. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni di età.

ISTRUZIONI DI CONSERVAZIONE:

Conservare in luogo fresco, asciutto e al riparo dalla luce.

Studi clinici

L'efficacia di Lifenol® contro i disturbi della menopausa è stata convalidata da 2 studi clinici condotti su soggetti umani. È stato clinicamente dimostrato che l'integrazione quotidiana di 85 mg di Lifenol®:

  • Riduce sensibilmente il numero di vampate vasomotorie.
  • Migliora la qualità della vita del 90% delle donne in menopausa in 6 settimane.

Studio 1: 12 settimane – Studio clinico randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo.

  • Riduzione significativa dei disturbi della menopausa e delle vampate vasomotorie in 6 settimane nel gruppo trattato con Lifenol®

Studio 2: 16 settimane – Studio clinico randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo, crossover.

  • Nel tempo, Lifenol® ha significativamente ridotto i disturbi della menopausa.

Gli studi non hanno riportato effetti collaterali. Inoltre, la sicurezza di Lifenol® è stata confermata dalla valutazione del rischio tossicologico.

Le sue domande

e