Ginkgo, l'albero fossile per la memoria

Il 6 agosto 1945, per la prima volta, una bomba atomica fu usata come arma ed esplose sopra Hiroshima. La città giapponese fu sottoposta a una temperatura equivalente a 40 volte quella del sole, e 140000 persone persero la vita.

Tuttavia, circa un anno dopo, un Ginkgo biloba L. germogliò naturalmente nelle rovine di un antico tempio buddista, molto vicino al punto di impatto (1).

Ultimo esemplare della sua famiglia Ginkgoaceae, già presente nel reperto fossile del Giurassico (2), il ginkgo può vivere fino a 1500 anni (1). Ha un DNA 3,5 volte più lungo di quello dell'uomo, con più di 40000 geni, una vera e propria armatura acquisita nel corso dei secoli (3).

La tradizione asiatica lo ha usato per secoli, poiché il ginkgo aiuta a mantenere buone funzioni cognitive, contribuisce anche alla normale circolazione del sangue, ed è legato alle prestazioni e alla reattività del cervello (4).

Ginkgo, l'albero sacro 

Chiamato “l'albero dei 40 scudi” per via della somma che un francese dovette pagare per ottenerne cinque esemplari (5), il ginkgo è stato piantato per secoli nei giardini delle pagode in Cina e Giappone (6). Non fu introdotto in Europa fino al XVII secolo, grazie al botanico tedesco Engelbert Kaempfer, che viaggiò con la Compagnia Olandese delle Indie Orientali (6).

Ogni grande capitale del mondo ha ormai un esemplare di questo albero, che può raggiungere i 40 metri di altezza. Le sue foglie decidue sono uniche: contengono due lobi a forma di palma (2), il cui colore giallo autunnale ha ispirato il famoso poeta tedesco Goethe (6).

Al di là della sua estetica, le foglie di ginkgo donano i benefici più eccezionali grazie al loro contenuto di lattoni terpenici (ginkgolidi e bilobalide) così come di polifenoli antiossidanti (glicosidi flavonolici). Il ginkgo aiuta a mantenere la memoria e a preservare la funzione cognitiva di fronte al declino legato all'età (7).

Numerosi studi sono stati condotti sugli estratti di foglie di Ginkgo Biloba, e la migliore qualità sono quelli che contengono il 24% di flavonoli glicosidi e il 6% di lattoni terpenici.

Il nostro estratto di ginkgo di qualità e 100% di origine naturale.

Elaboriamo un estratto titolato di foglie di Ginkgo Biloba seguendo le norme raccomandate dalle principali istituzioni sanitarie, cioè il 24% di glicosidi flavonolici e il 6% di lattoni terpenici.

Infatti, il semplice rispetto di questi dati garantisce la qualità del prodotto. Il mercato offre spesso copie approssimative, senza titolazione in lattoni terpenici, o capsule contenenti solo polvere di foglie con una presenza casuale di principi attivi.

Nel suo desiderio di trasparenza, Anastore propone la consultazione online dei certificati di analisi per ciascuno dei suoi integratori alimentari, compreso quello del nostro estratto di Ginkgo Biloba.

Scopra il nostro prodotto titolato al 24% min. di flavoni glicosidi e al 6% min. di lattoni terpenici

Bibliografia

  1. https://elpais.com/elpais/2017/05/22/ciencia/1495444150_344452.html

  2. Berdonces (2007) Gran enciclopedia de plantas medicinales. Susaeta.

  3. http://www.bbc.com/news/science-environment-38057741

  4. Extracted from the European Commission compilation list, under EFSA validation (ID2261).

  5. www.kew.org/science-conservation/plants-fungi/ginkgo-biloba

  6. www.ginkgomuseum.de/content/ginkgo-english/goetheandginkgo.html

  7. Extracted from the European Commission compilation list, under EFSA validation (ID3768).