5 piante per stimolare il desiderio sessuale e l’erezione maschile

La storia di ogni civiltà umana è intimamente legata alla conoscenza e all’uso di piante afrodisiache. Il termine “afrodisiaci”, che già nel nome suggeriscono il riferimento ad Afrodite, dea greca dell’amore, descrive cibi, piante o sostanze che risvegliano e aumentano il desiderio, migliorando al contempo l’esperienza e le prestazioni sessuali (1).

Negli anni Novanta, l’arrivo del Viagra (sidenafil citrate) per rimediare alla disfunzione erettile ha causato una vera e propria rivoluzione, associata alla forte domanda da parte degli uomini di tutto il mondo. Con gli anni, il consumo improprio della “pillola blu” ha dato vita a controversie ed è stato associato a particolari effetti indesiderati (2). Ma esistono alternative. Da millenni si conoscono e utilizzano decine di piante, oggi convalidate dalla scienza, che fungono da viagra naturale, in grado di accrescere la libido (maschile e femminile), aumentare la resistenza durante i rapporti sessuali, incrementare i livelli di testosterone e migliorare l’erezione maschile.

Vita sessuale: qualità e quantità sono importanti

Nella vita sessuale dell’uomo sono importanti la qualità delle relazioni sessuali e la quantità o la frequenza dei rapporti. In alcuni casi, tali rapporti sono influenzati tanto da fattori psicologici quanto fisici, che diminuiscono progressivamente la risposta sessuale, la soddisfazione e la sicurezza di sé delle persone, portandole indirettamente a evitare l’intimità e generando problemi di coppia e mancanza di desiderio. In Asia, Africa o Europa e in ogni altra parte del mondo, l’uomo si è rivolto alla natura in cerca di soluzioni che aiutino a migliorare la qualità e la frequenza dei rapporti sessuali (3). Secondo gli studi, esistono piante che favoriscono l’erezione e piante per migliorare il desiderio sessuale.

La fitoterapia può inoltre controllare specifici fattori di rischio associati alla disfunzione erettile, ovvero l’incapacità di mantenere un’erezione durante i rapporti sessuali. L’impotenza è associata al diabete mellito, all’arteriosclerosi, a un livello elevato di lipidi nel sangue (colesterolo, trigliceridi), alla pressione alta o al consumo eccessivo di tabacco o alcol (4) (5). Non c’è da meravigliarsi che, secondo una stima, tra 20 e 30 milioni di uomini siano affetti da un determinato grado di disfunzionalità sessuale (6).

Sostanze nutritive e piante per migliorare l’erezione

L’erezione del membro virile si produce a causa di un rilassamento del muscolo liscio del pene provocato da un impulso del sistema nervoso. Tuttavia, anche l’aumento di ossido nitrico (NO), un vasodilatatore naturale, favorisce l’apporto di sangue al muscolo del pene (7). Per la produzione di questa sostanza è necessaria la presenza dell’aminoacido L-arginina, che agisce come precursore, e di un catalizzatore enzimatico, la ossido nitrico sintasi (8). Pertanto, un consumo adeguato di L-arginina attraverso la dieta e l’integrazione, nonché tramite l’assunzione di piante che stimolino la sintesi di NO, sono strategie vincenti per contrastare la disfunzione erettile. Le ricerche scientifiche dimostrano che l’integrazione di L-arginina si rivela efficace e sicura in pazienti affetti da disfunzione erettile da lieve a moderata (9) (10).

Per quanto riguarda le piante, nonostante siano state studiate decine di specie tradizionalmente utilizzate come afrodisiaci naturali in diverse culture e paesi, le prove scientifiche a supporto non risultano ugualmente valide per ognuna di esse. In caso di disfunzione erettile, notevoli risultati si sono ottenuti con il Panax ginseng e con alcune combinazioni erboristiche contenenti ingredienti come maca, ginseng o tribulus (11) (12).

La maca (Lepidium meyenii) è una radice originaria delle Ande, coltivata ad altitudini superiori a 3000 metri e tradizionalmente utilizzata per le sue proprietà rinvigorenti e afrodisiache (13). Gli studi hanno dimostrato che l’estratto secco di radice di maca (14) migliora le prestazioni fisiche e il benessere sessuale in uomini adulti affetti da disfunzione erettile, risultati associati alla capacità di questa pianta di aumentare la concentrazione nel pene di ossido nitrico (NO) (15), una sostanza che accresce l’apporto di sangue. Ulteriori ricerche suggeriscono la potenziale efficacia della maca nel migliorare la qualità del seme e la motilità degli spermatozoi (16) (17).

Dall’antica medicina cinese e da quella tradizionale indiana (Ayurveda), arriva il tribulus (Tribulus terrestris), conosciuto per essere un potente afrodisiaco (18). Gli studi ne hanno dimostrato gli effetti positivi in uomini affetti da disfunzione erettile da lieve a moderata, con un miglioramento delle funzioni sessuali, della soddisfazione e del desiderio (19). Questa pianta vanta un elevato contenuto di saponine steroidee (20), in particolare se si tratta di estratti titolati, che stimolano le cellule di Leydig situate nei testicoli per aumentare la produzione di testosterone. Questo importante ormone, oltre a contribuire a una sana libido e a migliorare le funzioni sessuali, stimola lo sviluppo della massa muscolare e può contribuire alla perdita di peso (21) (22).

I semi di fieno greco (Trigonella foenum-graecum L) si dimostrano particolarmente utili per il controllo di determinati fattori di rischio che possono sfociare nella disfunzione erettile, come l’ipercolesterolemia o il diabete, oltre a svolgere un’azione antiossidante e antinfiammatoria (23) (24) (25).

Piante per migliorare il desiderio sessuale

Ma il sesso è molto più che l’erezione del pene. Su questa relazione così intima influiscono il desiderio sessuale, il livello di ormoni e il corretto funzionamento del sistema nervoso, così come la resistenza fisica e l’integrazione di stimoli olfattivi, tattili e mentali.

La medicina tradizionale ha puntato anche sul potere afrodisiaco della damiana (Turnera diffusa) e studi preliminari suggeriscono che i flavonoidi, la caffeina e l’arbutina presenti in un estratto concentrato possono migliorare il desiderio sessuale e favorire il recupero post-eiaculazione (26) (27).

E se l’obiettivo desiderato è ridurre l’affaticamento e aumentare la prestanza, una risposta sicura è il Panax ginseng (28). Studi condotti sugli animali hanno dimostrato che il ginseng coreano favorisce la libido e le prestazioni durante il rapporto (29) e svolge un’azione antinfiammatoria anche in uomini di età avanzata affetti da prostatite (30).

Sesso fantastico per tutta la vita

Godere di una vita sessuale appagante per tutta la vita è possibile grazie al supporto di sostanze nutritive, piante ed estratti che favoriscono la vasodilatazione, come la L-arginina (aminoacido precursore di NO), o che diminuiscono la stanchezza, come il Panax ginseng, purché titolato in ginsenosidi, e l’estratto di tribulus, che dovrà contare su un’ottima titolazione in saponine (40%) per avere effetto sul miglioramento delle funzioni sessuali e della libido.

In conclusione, la combinazione di diversi estratti e sostanze nutritive che agiscono in modo mirato su ogni aspetto dell’impotenza o della diminuzione del desiderio. Il ritrovato benessere e un aspetto fisico soddisfacente portano ad acquistare nuova fiducia, mentre il miglioramento del desiderio e della prestanza sessuale offerta da alcune piante permetterà di godere di una vita sessuale appagante.

Precauzioni: Gli estratti descritti sono destinati esclusivamente a persone adulte. Consultare il proprio medico in caso di assunzione simultanea di anticoagulanti o in caso di disturbi specifici prima dell’utilizzo degli estratti, individualmente o in sinergia.

Bibliografia

(1) Exploring scientifically proven herbal aphrodisiacs, Sabna Kotta, Shahid H. Ansari and Javed Ali https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3731873/

(2) Sildenafil-associated hepatoxicity: a review of the literature. Graziano S, Montana A, Zaami S, Rotolo MC, Minutillo A, Busardò FP, Marinelli E. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28379598

(3) Aphrodisiacs past and present: a historical review. Sandroni P. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11758796/

(4) Impotence and its medical and psychosocial correlates: results of the Massachusetts Male Aging Study. Feldman HA, Goldstein I, Hatzichristou DG, Krane RJ, McKinlay JB. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8254833/

(5) [Epidemiology and age-related risk factors of erectile dysfunction] Mock K. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10746286

(6) The etiology of erectile dysfunction and mechanisms by which drugs improve erection. Gallé G, Trummer H. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12730703/

(7) Nitric oxide in the penis: physiology and pathology. Burnett AL https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8976289/

(8) The role of nitric oxide in penile erection. Cartledge J1, Minhas S, Eardley I. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11336572

(9) The Potential Role of Arginine Supplements on Erectile Dysfunction: A Systemic Review and Meta-Analysis. Chang Rhim H, Kim MS, Park YJ, Choi WS, Park HK, Kim HG, Kim A, Paick SH. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30770070

(10) Treatment of erectile dysfunction with pycnogenol and L-arginine. Stanislavov R1, Nikolova V. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12851125

(11) Herbal Dietary Supplements for Erectile Dysfunction: A Systematic Review and Meta-Analysis. Borrelli F, Colalto C, Delfino DV, Iriti M, Izzo AA https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29633089

(12) Nutrients and botanicals for erectile dysfunction: examining the evidence. McKay D1 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15005641

(13) Lepidium meyenii (Maca): a plant from the highlands of Peru--from tradition to science. Gonzales GF, Gonzales C, Gonzales-Castañeda C. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20090350

(14) Subjective effects of Lepidium meyenii (Maca) extract on well-being and sexual performances in patients with mild erectile dysfunction: a randomised, double-blind clinical trial. Zenico T, Cicero AF, Valmorri L, Mercuriali M, Bercovich E. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19260845

(15) Effects of combined extracts of Lepidium meyenii and Allium tuberosum Rottl. on erectile dysfunction. Zhang Y, Zhou F, Ge F. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31215433

(16) The use of maca (Lepidium meyenii) to improve semen quality: A systematic review. Lee MS, Lee HW, You S, Ha KT https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27621241

(17) Chemical Analysis of Lepidium meyenii (Maca) and Its Effects on Redox Status and on Reproductive Biology in Stallions †.
Tafuri S, Cocchia N, Carotenuto D, Vassetti A, Staropoli A, Mastellone V, Peretti V, Ciotola F, Albarella S, Del Prete C, Palumbo V, Esposito L, Vinale F, Ciani F.
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31126050

(18) Pro-sexual and androgen enhancing effects of Tribulus terrestris L.: Fact or Fiction. Neychev V, Mitev V. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26727646/

(19) Evaluation of the efficacy and safety of Tribulus terrestris in male sexual dysfunction-A prospective, randomized, double-blind, placebo-controlled clinical trial. Kamenov Z, Fileva S, Kalinov K, Jannini EA https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28364864/

(20) Furostanol saponins from the fruits of Tribulus terrestris. Chen G, Su L, Feng SG, Lu X, Wang H, Pei YH. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22934688

(21) A review of traditional pharmacological uses, phytochemistry, and pharmacological activities of Tribulus terrestris. Zhu W, Du Y, Meng H, Dong Y, Li L. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29086839

(22) The hormonal effects of Tribulus terrestris and its role in the management of male erectile dysfunction--an evaluation using primates, rabbit and rat.
Gauthaman K, Ganesan AP. 
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18068966/

(23) A review on therapeutic potentials of Trigonella foenum graecum (fenugreek) and its chemical constituents in neurological disorders: Complementary roles to its hypolipidemic, hypoglycemic, and antioxidant potential. Zameer S, Najmi AK, Vohora D, Akhtar M. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28504078

(24) Pharmacological effects of Trigonella foenum-graecum L. in health and disease. Yadav UC, Baquer NZ. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24102093

(25) Investigating Therapeutic Potential of Trigonella foenum-graecum L. as Our Defense Mechanism against Several Human Diseases. Goyal S, Gupta N, Chatterjee S. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26884758

(26) Turnera diffusa Wild (Turneraceae) recovers sexual behavior in sexually exhausted males. Estrada-Reyes R, Ortiz-López P, Gutiérrez-Ortíz J, Martínez-Mota L. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19501274

(27) Pro-sexual effects of Turnera diffusa Wild (Turneraceae) in male rats involves the nitric oxide pathway.
Estrada-Reyes R1, Carro-Juárez M, Martínez-Mota L. 
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23298455

(28) Antifatigue effects of Panax ginseng C.A. Meyer: a randomised, double-blind, placebo-controlled trial.
Kim HG, Cho JH, Yoo SR, Lee JS, Han JM, Lee NH, Ahn YC, Son CG. 
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23613825

(29) Ginseng, sex behavior, and nitric oxide. Murphy LL, Lee TJ. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12076988

(30) The Effects of Korea Red Ginseng on Inflammatory Cytokines and Apoptosis in Rat Model with Chronic Nonbacterial Prostatitis.
Kang SW, Park JH, Seok H, Park HJ, Chung JH, Kim CJ, Kim YO, Han YR, Hong D, Kim YS, Kim SK7
 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30756082