Cordyceps, il fungo tibetano

Cordyceps, il fungo tibetano

Usato in Asia da secoli, il Cordyceps sinensis è originario del Tibet, della Cina e di altri paesi asiatici: i funghi sono stati apprezzati fin dai tempi antichi per la loro composizione nutrizionale. Grazie alla loro complessa e completa composizione nutrizionale e biochimica (vitamine, minerali, aminoacidi, polisaccaridi, steroli, nucleotidi), i funghi Cordyceps sinensis sono considerati un alimento esclusivo a disposizione di pochi.

 Una storia terrificante e sorprendente

Tra questi c'è la curiosa storia e il ciclo biologico del Cordyceps sinensis, un fungo endemico dell'altopiano tibetano, pieno di simbolismo e considerato una vera rivelazione per le numerose proprietà nutrizionali che gli vengono attribuite (1).

Il modo in cui il fungo cordyceps (Ophiocordyceps sinensis o Cordyceps sinensis) cresce e si sviluppa è simile a un qualcosa venuto fuori da un romanzo horror. Questo parassita non si accontenta di vivere a spese di un'altra specie, animale o vegetale, come fanno altri parassiti naturali, causando quasi nessun danno all'ospite, ma distrugge lo sfortunato ospite e lo induce, durante la sua agonia e disorientamento, a cercare le migliori condizioni per la propria crescita. Le sue vittime preferite sono le larve di farfalla, della specie Hepiaideae (2).

Il cordyceps si riproduce tramite spore che raggiungono la pelle delle sue vittime. Queste spore penetrano nel corpo della larva di farfalla e lo colonizzano fino a raggiungere la testa, dove iniziano la loro crescita e il loro sviluppo. Una volta che il ciclo di crescita è completato, esploderà per diffondere nuovamente le sue spore e cercare nuove vittime da sviluppare. Una da togliere il sonno, considerando che il fungo germina in un ospite vivo, uccide e mummifica la larva e poi cresce a partire dalla testa della vittima (3).

 Dalla steppa tibetana all'occidente

La tradizione nell'uso di questa specie fungina risale a tempi antichi, e accenni al suo uso sono stati trovati in Cina e in Tibet. La sua scoperta iniziale avvenne grazie all'osservazione di pastori locali che vedevano come il loro bestiame sembrava avere maggiore vitalità e capacità riproduttiva quando consumavano cordyceps. Come risultato di queste scoperte, il fungo iniziò ad essere raccolto ed essiccato al sole come lavorazione primaria per essere consumato dalla popolazione locale (4).

La scienza attuale ha trovato numerosi componenti bioattivi: tra i suoi componenti principali ci sono, acido cordicepico, adenosina, mannitolo, ergosterolo o polisaccaridi, tra gli altri (5) (6).

Qualità dei prodotti a base di Cordyceps

Considerando la sua specifica posizione geografica ad alta quota e il modo in cui si riproduce, non è sorprendente che questo fungo bruco abbia esemplari naturali limitati, incapaci di far fronte all'elevata domanda di integratori alimentari a base del suo estratto secco. Il prezzo del cordyceps è aumentato negli ultimi anni a causa della crescente domanda globale, che ha portato gli scienziati a cercare metodi di coltivazione artificiale per rendere questo fungo una merce più accessibile al commercio (7). Tuttavia, a causa delle diverse specie di ceppi e dei processi di fermentazione, negli anni '80 e '90 c'è stata una proliferazione di prodotti fermentati con significative differenze di qualità (8). Ma oggi, dopo diversi decenni di sforzi e tentativi, la coltivazione artificiale di qualità del Cordyceps sinensis è stata raggiunta. Una maggiore comprensione della biologia del fungo, del suo insetto ospite e la simulazione dell'ambiente alpino tibetano hanno portato al successo della coltivazione artificiale su larga scala con rese annuali di 2,5, 5 e 10 tonnellate nel 2014, 2015 e 2016, rispettivamente. Ma la cosa più interessante è che, secondo gli studi, non c'era alcuna differenza nei componenti chimici rilevati tra il cordyceps cinese coltivato e quello naturale; inoltre, il sistema di coltivazione artificiale può essere controllato, il che può portare a evitare la possibile contaminazione da metalli pesanti e ad ottenere prodotti di alta qualità (9). Questa coltivazione artificiale aiuta così ad alleviare la pressione della domanda umana, mentre protegge le limitate risorse naturali per un utilizzo sostenibile.

Il CordycepsPrime™ di Anastore, un estratto clinicamente testato di micelio (corpo vegetativo del fungo) di Cordyceps sinensis, è ottenuto grazie a un processo biotecnologico di coltivazione e fermentazione. Il ceppo di cordyceps utilizzato per ottenere questo estratto (ceppo CS-4) è stato oggetto di molteplici studi che ne garantiscono la qualità, grazie ai suoi componenti attivi come l'adenosina, i polisaccaridi o il mannitolo (10) (11), che sono titolati in questo prodotto, 0,28% in adenosina e 8% in D-mannitolo (acido cordicepico).

Cordyceps Sinensis

Per acquistare cordyceps titolato in adenosina (0.28%) e D-mannitolo (8%), fare clic qui.
 

AVVERTENZA: Non consigliato a bambini, donne in gravidanza e durante l’allattamento. 
 

Bibliografia

(1) Pharmacological and therapeutic potential of Cordyceps with special reference to Cordycepin, Hardeep S. Tuli, Sardul S. Sandhu, and A. K. Sharmacorresponding author https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3909570/

(2) Study on the biology of adults parasite of Cordyceps sinensis, Hepialus biruensis, Chen SJ, Yin DH, Zhong GY, Huang TF. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12776525

(3) Cordyceps fungi as natural killers, new hopes for medicine and biological control factors. Dworecka-Kaszak B. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25281812

(4) Cordyceps sinensis, a fungi used in the Chinese traditional medicine, Illana Esteban C. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18095756

(5) The Chemical Constituents and Pharmacological Actions of Cordyceps sinensis Yi Liu, Jihui Wang, Wei Wang, Hanyue Zhang, Xuelan Zhang, and Chunchao Han  , https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4415478/

(6) The genus Cordyceps: a chemical and pharmacological review. Yue K, Ye M, Zhou Z, Sun W, Lin X. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23488776

(7) The artificial cultivation of medicinal Caterpillar Fungus, Ophiocordyceps sinensis (Ascomycetes): a review. Yue K, Ye M, Lin X, Zhou Z. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24266368

(8) Comparison and review on specifications of fermented Cordyceps sinensis products, Yang P, Zhao XX, Zhang YW. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29600609

(9) A breakthrough in the artificial cultivation of Chinese cordyceps on a large-scale and its impact on science, the economy, and industry.
Li X, Liu Q, Li W, Li Q, Qian Z, Liu X, Dong C. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30394122

(10) Effect of Cs-4® (Cordyceps sinensis) on Exercise Performance in Healthy Older Subjects: A Double-Blind, Placebo-Controlled Trial, Steve Chen, M.D., Zhaoping Li, M.D., Ph.D., Robert Krochmal, M.D., Marlon Abrazado, B.S., Woosong Kim, B.S., and Christopher B. Cooper, M.D https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3110835/

(11) Immunosuppressive effect of Cordyceps CS-4 on human monocyte-derived dendritic cells in vitro. Tang J, Tian D, Liu G. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20821826

x

Vuoi 5 in regalo?