Nopal, il cactus che assorbe grassi e zuccheri

Un po' di storia

Parlare del nopal significa parlare della storia del Messico, centro della varietà delle diverse specie di cactus, dove si stimano più di 120 specie diverse di opuntia. E nella composizione grafica dello stemma di questo paese è rappresentato il nopal, tra altri elementi naturali (1)(2).

Si stima che migliaia di anni fa, quando i primi coloni arrivarono nel bacino del Messico, trovarono diversi generi di cactus, tra cui il nopal, e che i Maya del Messico sudorientale si nutrivano dei suoi frutti e germogli. Si racconta che arrivò in Europa durante il primo viaggio di ritorno di Colombo a Lisbona nel 1493, e che i suoi succulenti frutti deliziarono gli europei nel XV secolo (3)(4).

Oggi il frutto del nopal o fico d'India (Opuntia ficus-indica) è ancora una prelibatezza per il palato, oltre che un'importante fonte di nutrienti. Il nopal è una fonte di fibre alimentari, vitamina C, calcio, betalaina e polifenoli con carattere antiossidante (5) che viene utilizzato nella cucina tradizionale come cibo, per la preparazione di succhi o come materia prima nella fabbricazione di integratori alimentari (6).

Dal suo uso tradizionale ai giorni nostri

Tradizionalmente, il cactus opuntia è stato utilizzato in caso di ustioni e ferite in uso topico, oltre al suo uso nel cibo (7)(8).

Attualmente la specie Opuntia ficus-indica cresce non solo in Messico, ma anche nei climi semi-aridi dell'America Latina, del Sud Africa e dei paesi mediterranei, dove è ampiamente utilizzata nella produzione di integratori e prodotti alimentari (9).

Nopal, assorbe grassi e zuccheri (10)

Gli studi attuali mostrano come il nopal aiuta nei programmi di controllo del peso riducendo l'appetito e l'assunzione di calorie (10); contribuisce anche al metabolismo dei grassi, aiuta a controllare il peso (10) e ha un potenziale come integratore per aiutare a controllare lo zucchero nel sangue (10).

Le linee di ricerca suggeriscono che l'alto contenuto di fibre del nopal (mucillagini, pectine, emicellulose) (11) può essere in parte responsabile dell'effetto benefico sui livelli di glucosio, riducendo il suo passaggio nel sangue attraverso una parziale inibizione dell'assorbimento (12)(13). 

Nopal, supporto dimagrante (10)

Perdere peso non è un compito facile; milioni di persone in tutto il mondo cercano soluzioni naturali per sostenere i loro piani di dieta ed esercizio fisico, per ottenere risultati migliori. L'obesità è già stata dichiarata un'epidemia dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (14), e le prove dimostrano che l'eccesso di peso è associato a un aumento del rischio di diabete di tipo 2, iperlipidemia, malattie cardiovascolari e alcuni tipi di cancro (15)(16). 

In questo senso, la fibra naturalmente presente nel nopal può essere un grande alleato poiché mostra proprietà benefiche come il controllo dell'appetito e il supporto al dimagrimento (10) legandosi al grasso nella dieta e aumentandone l'escrezione, creando un complesso che non può essere digerito o assorbito e quindi viene eliminato (17) (18) (19). Semplicemente, se viene ingerito un pasto ricco di grassi, parte di questo nutriente si legherebbe alla fibra nopal formando un complesso insolubile. Questo viene eliminato senza essere assorbito, e quindi le calorie di quel grasso non contano (non si sommano). Questo si traduce in una riduzione dell'assorbimento di calorie (energia) e il conseguente supporto alla perdita di peso (10) all'interno di una dieta equilibrata. 

Tutti questi benefici basati su prove scientifiche hanno portato Anastore a sviluppare un integratore alimentare a base di nopal coltivato biologicamente, per garantire la massima qualità della materia prima e assicurare anche un contenuto minimo del 40% di fibre. Queste sostanze naturalmente presenti nel cactus nopal assorbono i grassi e gli zuccheri (10), quindi questo integratore può essere una buona scelta per le persone che vogliono perdere peso. È anche efficace nel bloccare parzialmente il passaggio di questi nutrienti calorici nel sangue e nel controllare l'appetito (10). Si raccomanda di prendere due capsule al giorno di Anastore Organic Nopal, idealmente prima dei pasti principali. Senza dimenticare l'importanza di una dieta equilibrata e di uno stile di vita sano, che include un regolare esercizio fisico. 

Mangiare il cactus e i suoi derivati, come l'estratto secco di foglie di cactus biologico di Anastore (Opuntia ficus-indica (L.) Mill.), non è mai stato così facile, naturale e sicuro. 

Questo prodotto è raccomandato solo per gli adulti, non è adatto alle donne incinte o che allattano. In caso di condizioni mediche specifiche o di trattamento farmacologico, consultate prima il vostro medico. 

Bibliografia

  1. Secretaría de Medio ambiente y recursos naturales. Gobierno de México. https://www.gob.mx/semarnat/articulos/nopales-previo 
  2. Reyes-Agüero J. A., Aguirre Rivera J. R. Agrobiodiversity of cactus pear (Opuntia, Cactaceae) in the meridional highlands plateau of Mexico. Journal of Natural Resources and Development. 2011;1:1–8. doi: 10.5027/jnrd.v1i0.01. 
  3. The origins of an important cactus crop, Opuntia ficus-indica (Cactaceae): new molecular evidence.
    Griffith MP. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21652337 
  4. Donkin R. Spanish red-ethnogeographical study of cochineal and Opuntia cactus. Transactions of the American Philosophical Society. 1977;67:5–84. 
  5. Supplementation with cactus pear (Opuntia ficus-indica) fruit decreases oxidative stress in healthy humans: a comparative study with vitamin C. Tesoriere L, Butera D, Pintaudi AM, Allegra M, Livrea MA. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15277160
  6. Nutritional and medicinal use of Cactus pear (Opuntia spp.) cladodes and fruits. Feugang JM, Konarski P, Zou D, Stintzing FC, Zou C. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16720335/
  7. Nopal Cactus (Opuntia ficus-indica) as a Source of Bioactive Compounds for Nutrition, Health and Disease
    Karym El-Mostafa, Youssef El Kharrassi, Asmaa Badreddine, Pierre Andreoletti, Joseph Vamecq, M’Hammed Saïd El Kebbaj, Norbert Latruffe, Gérard Lizard, Boubker Nasser, and Mustapha Cherkaoui-Malki https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6270776/
  8. Decreased blood glucose and insulin by nopal (Opuntia sp.).
    Frati-Munari AC, Fernández-Harp JA, Bañales-Ham M, Ariza-Andraca CR. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/6367685
  9. Opuntia ficus-indica (L.) Miller as a source of bioactivity compounds for health and nutrition.
    Aragona M, Lauriano ER, Pergolizzi S, Faggio C. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28805459
  10. Extracted from the European Comission compilation list, under EFSA validation (ID 2733).
  11. Diversity of unavailable polysaccharides and dietary fiber in domesticated nopalito and cactus pear fruit (Opuntia spp.).
    Peña-Valdivia CB1, Trejo C, Arroyo-Peña VB, Sánchez Urdaneta AB, Balois Morales R.https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22899620/
  12. Effect of prickly pear (Opuntia robusta) on glucose- and lipid-metabolism in non-diabetics with hyperlipidemia--a pilot study.
    Wolfram RM, Kritz H, Efthimiou Y, Stomatopoulos J, Sinzinger H. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12503475/
  13. Hypoglycemic activity of two polysaccharides isolated from Opuntia ficus-indica and O. streptacantha.
    Alarcon-Aguilar FJ, Valdes-Arzate A, Xolalpa-Molina S, Banderas-Dorantes T, Jimenez-Estrada M, Hernandez-Galicia E, Roman-Ramos R. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14699912
  14. World Health Organization . World Health Organization; Geneva, Switzerland: 2000. Obesity: preventing and managing the global epidemic. W.H.O. Technical Report Series 894.
  15. Obesity: epidemiology and clinical aspects. Formiguera X, Cantón A. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15561643
  16. Obesity related morbidity and mortality. Bellanger TM, Bray GA. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15751909
  17. Effects of Cactus Fiber on the Excretion of Dietary Fat in Healthy Subjects: A Double Blind, Randomized, Placebo-Controlled, Crossover Clinical Investigation. Ralf Uebelhack, MD, PhD, Regina Busch, Felix Alt, Zhi-Ming Beah and Pee-Win Chong https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4109417/
  18. A Natural Fiber Complex Reduces Body Weight in the Overweight and Obese: A Double-Blind, Randomized, Placebo-Controlled Study. Barbara Grube, Pee-Win Chong, Kai-Zhia Lau, and Hans-Dieter Orzechowski https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3627296/
  19. Opuntia spp.: Characterization and Benefits in Chronic Diseases
    María del Socorro Santos Díaz, Ana-Paulina Barba de la Rosa, Cécile Héliès-Toussaint, Françoise Guéraud, and Anne Nègre-Salvayre, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5401751/