Il potere antiossidante del tè

Nel corso dei secoli, la cultura orientale ha considerato il tè una bevanda dal potere sociale e officinale, tanto che nel corso degli anni sono state fatte molte affermazioni (alcune esagerate) sui benefici che tale bevanda può apportare alla salute. Oggi tuttavia, essendo la bevanda più diffusa al mondo, seconda solo all’acqua, alcuni studi scientifici hanno rivelato la verità sugli autentici benefici del consumo regolare di tè.
 
Il tè consiste in un’infusione di acqua calda, alla quale vengono aggiunte le foglie essiccate macinate o i germogli dell’arbusto Camellia sinensis, appartenente alla famiglia delle Teacee, e che viene utilizzata come bevanda stimolante. È possibile scegliere tra diverse varietà di tè, classificate a seconda del periodo di raccolta:
 

  • Tè bianco. La raccolta avviene prima dell’apertura delle gemme. È il tè più semplice che esista.
  • Tè verde. Immediatamente dopo la raccolta, le foglie vengono rapidamente essiccate con il calore o il vapore. Non subendo alcuna fermentazione, la sua composizione chimica viene mantenuta quasi intatta.
  • Tè rosso, conosciuto anche con il nome di “Pu-erh”. Si ottiene mediante un processo di essiccazione, che inizia brevemente all’aria aperta e si conclude dopo un periodo più lungo in un luogo chiuso.
  • Tè nero. È il tè completamente fermentato, lasciato per un tempo maggiore a essiccare per far sì che i componenti reagiscano tra di loro.

 
La diffusione del tè dipende principalmente dall’elevato contenuto di basi xantiniche, tra le quali soprattutto la teina, e dal conseguente effetto stimolante sul sistema nervoso centrale. Infatti, la teina accresce lo stato di allerta e produce un effetto ergogenico, aumentando il rendimento fisico.

Tuttavia, la varietà che più si distingue è il tè verde. L’importanza attribuitagli dipende dalle proprietà benefiche per la salute, superiori rispetto alle altre varietà e derivanti dal processo di lavorazione, che ne mantiene quasi intatta la composizione chimica. Le foglie del tè verde, infatti, vengono stabilizzate evitando l’ossidazione enzimatica, affinché conservino l’intero contenuto di catechine e, non essendo fermentate al sole, una maggiore quantità di polifenoli.

È possibile bere tè verde ogni giorno?

La risposta è sì. L’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) consiglia e approva l’uso tradizionale di tè verde per ridurre l’affaticamento e la sensazione di debolezza. Le foglie di questa varietà, infatti, contengono basi xantiniche, come la caffeina (o meglio teina, come già precisato) e la teobromina, saponine e polifenoli quali catechine, teaflavine, flavonoidi, antocianidine e acidi caffeilchinici. Le catechine in particolare sono correlate con l’effetto antiossidante e antiobesità che il tè verde esercita sull’organismo.
Nonostante ciò, sono le sostanze antiossidanti (polifenoli) a conferire al tè verde molte proprietà benefiche per la salute, in quanto proteggono l’organismo contro l’azione nociva delle sostanze ossidanti e i radicali liberi, che indeboliscono le difese naturali del corpo e accelerano il processo di invecchiamento.

In virtù di queste sostanze, il tè verde apporta molteplici benefici per l’organismo. Per esempio, regola i livelli di colesterolo, favorisce il minore assorbimento e l’eliminazione dei grassi e previene la formazione di coaguli nel sangue, in quanto inibisce la produzione di trombossani da parte delle piastrine, che causano il coagulo di queste ultime in blocchi (trombi). Inoltre, previene la formazione di carie grazie al contenuto di fluoruro ed esercita un importante effetto diuretico, favorendo l’eliminazione dei liquidi. Infine, il basso contenuto calorico lo rende una valida alternativa alle bevande gassate e zuccherate.

Tuttavia, il tè verde presenta una serie di controindicazioni. Per esempio, contiene una sostanza che impedisce l’utilizzo da parte dell’organismo della vitamina B1, fondamentale per il sistema nervoso centrale, provocando il rischio di una carenza nelle persone che consumano grandi quantità di tè verde. Questo, inoltre, ostacola l’assorbimento del ferro presente negli alimenti, rendendone il consumo non adatto in caso di anemia.

 Focus sul nostro prodotto

Anastore propone diverse soluzioni per ottenere tutti i benefici di questo prodotto. Una di queste è costituita dalle capsule di estratto di tè verde, titolate al 50% in polifenoli, che le rendono un’ottima protezione contro i radicali liberi. Inoltre, l’elevato contenuto di EGCG (epigallocatechina gallato) garantisce al tè verde di Anastore la massima efficacia.

All’interno della nostra offerta di tè e infusi è possibile scegliere tra numerose varietà di tè e tè verdi, tutti aromatici e deliziosi.